Torna a Eventi FPA

Programma Congressuale

Torna alla home

  da 15:00 a 17:00

Che fine ha fatto la Spending Review? [ co.28 ]

Presentando il libro “Il vincolo stupido” di Marcello Degni e di Paolo De Ioanna, il convegno si propone di affrontare con gli autori ed altri autorevoli relatori il tema della spending review sotto il profilo metodologico e del suo intreccio con la decisione di bilancio. La tesi degli autori è che esista un nesso imprescindibile tra crescita dell’economia e controllo dell’equilibrio della finanza pubblica. E che questa connessione sia offuscata da un assetto procedurale dominato da categorie giuridico-contabili che non riescono mai a coniugarsi con una valutazione fine e nitida degli obiettivi e dei risultati economici e finanziari che le diverse politiche settoriali intendono conseguire.

Programma dei lavori

Modera

Epifani
Intervento di Stefano epifani al convegno "Che fine ha fatto la Spending Review?"
Stefano Epifani Professore di Sociologia e Comunicazione - Sapienza Università di Roma Biografia Vedi atti

Si occupa della progettazione di modelli, strumenti ed applicazioni di knowledge management ed information design finalizzati a favorire i processi di innovazione nelle organizzazioni complesse attraverso il ricorso a soluzioni basate su sistemi IT.

E' docente di Tecnologie applicate alla Comunicazione d’Impresa alla Sapienza, Università di Roma e di Produzioni Multimediali all’Università di Urbino Carlo Bo. È  Direttore del portale TechEconomy.it, dedicato all’impatto delle tecnologie al business ed alla comunicazione.  

È consulente di numerose organizzazioni pubbliche e private (tra le quali Anci, Ancitel, Formez, DigitPA, Ministero dell’Istruzione e della Ricerca, Regione Lombardia, Regione Marche, Regione Lazio, Telecom Italia, Poste Italiane, IBM, Microsoft).

Collabora con organismi di ricerca nazionali (Enea, CNR) ed internazionali (Fraunhofer Institute in Germania, Eafit in Colombia). Fa parte di diversi tavoli istituzionali dedicati all’introduzione di sistemi e strumenti di Information & Communication Technology nella Pubblica Amministrazione ed è tra gli estensori dei Vademecum pubblicati da DigitPA per supportare le Amministrazione Pubbliche nell’adozione di modelli e processi operativi orientati al Digitale (Open Government, Comunicazione on-line, Social networking).

È autore di diversi testi, tra i quali: Manuale di comunicazione politica on-line (Istituto di Studi Politici San Pio V, 2011); Decidere l’Innovazione (Sperling & Kupfer, 2006); Learning Community: modelli collaborativi di gestione della conoscenza (Franco Angeli, 2004); Business Community: gestire il capitale intellettuale nell’economia della conoscenza (Franco Angeli, 2003); Internet per chi scrive (Gruppo Editoriale Jackson, 1996).

Chiudi

Atti di questo intervento

01_co_28_epifani_stefano.mp3

Chiudi

Intervengono

Degni
Intervento di Marcello Degni al convegno "Che fine ha fatto la Spending Review?"
Marcello Degni Docente - SNA Biografia Vedi atti

Docente a tempo pieno della Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione di Roma (dal 2013).
Professore a contratto di contabilità pubblica presso le Università di Roma 1(master in economia pubblica), dal 2008, e di Pisa (Accademia navale di Livorno), dal 2009.
Esperto del ministero della Funzione pubblica. Componente dell’Unità per la semplificazione e la qualità della regolazione per lo svolgimento di attività di alta consulenza in materia di contabilità pubblica ed in particolare nella quantificazione degli oneri dei disegni di legge, per la predisposizione di atti normativi connessi alle iniziative di semplificazione, riassetto normativo e “spending review”.
Esperto senior in Finanza Pubblica per il supporto allo sviluppo di modelli integrati di valutazione della performance degli Enti Locali attraverso tecniche di benchmarking nell’ambito del progetto di Sviluppo delle capacità e delle funzioni delle Regioni e degli Enti Locali dell’Obiettivo Convergenza nella prospettiva del federalismo fiscale (Studiaresviluppo).
Laurea con lode in Scienza delle finanze all’Università La Sapienza nel 1986.
Nel 2011 e nel 2012 è stato consulente della Commissione Parlamentare per l’attuazione del federalismo fiscale.
Dal 2011 partecipa, per conto del CNEL, alla redazione della relazione annuale per la Conferenza sulla qualità dei servizi pubblici, prevista dall’art.9, comma c) della legge 15 del 2009.
Consigliere parlamentare del Senato (fino al 2007) ha lavorato per molti anni al servizio del bilancio. Nell'ambito delle attività del servizio si è occupato in particolare del ciclo del bilancio in Parlamento e della quantificazione degli oneri dei disegni di legge di spesa.
Dal 1999 al 2002 ha fatto parte della Unità di valutazione finanziaria degli atti normativi, istituita dal Presidente Carlo Azeglio Ciampi, presso la Presidenza della Repubblica.
Dal 1997 al 2000 ha collaborato all'attività della Commissione Tecnica della Spesa Pubblica. In questo ambito ha seguito l’attuazione della riforma del bilancio definita con la legge n.94 del 1997, attraverso la partecipazione a vari gruppi di lavoro composti da esperti del settore ed uffici dell’amministrazione e ha fatto parte del “Gruppo di monitoraggio dei flussi di cassa del settore statale”, coordinato dal sottosegretario Prof. Piero Giarda.
Ha diretto il centro studi di Sviluppo Lazio e collaborato con l’assessorato al bilancio della regione Lazio (2007 -2009).
Dal 1995 ha svolto una costante attività accademica nelle Università di Napoli (Federico II), Roma e Pisa.
Dal 1995 è socio della Società italiana di Economia Pubblica

Chiudi

De Ioanna
Intervento di Paolo De Ioanna al convegno "Che fine ha fatto la Spending Review?"
Paolo De Ioanna Consiglio di Stato Biografia Vedi atti

Dal 2001 è Consigliere di Stato.
E’ stato, dal 1974, funzionario del Senato della Repubblica, dove ha diretto (1978-1989) la Segreteria della Commissione bilancio ed il Servizio del bilancio (1989-1996).
Dal 1996 al 1998 è stato Capo di Gabinetto del Ministro del tesoro pro tempore (nella fase di ingresso dell’Italia nel sistema della moneta unica europea) e poi, dal 1998 al 2000, è stato Segretario generale della Presidenza del Consiglio dei Ministri; dal 2006 al 2008 è stato capo di gabinetto del Ministro dell’economia pro tempore..
E’ autore di numerose monografie ed articoli su temi di diritto del bilancio, finanza pubblica e diritto pubblico dell’economia.

Chiudi

Lotti
Intervento di Roberta Lotti al convegno "Che fine ha fatto la Spending Review?"
Roberta Lotti Dipartimento dell'Amministrazione Generale, del Personale e dei Servizi, Direzione dei sistemi informativi e dell'innovazione Ufficio II - Ministero dell'Economia e delle Finanze Biografia Vedi atti

Roberta Lotti - Nella PA dal 1990, è attualmente Dirigente dell’Ufficio II della Direzione dei Sistemi informativi e dell’Innovazione del MEF dove è Program Management Officer dei progetti IT della Direzione, tra cui Cloudify NoiPA, il programma di trasformazione digitale di NoiPA - finanziato nell’ambito del Programma azione coesione complementare al PON Governance e capacità istituzionale 2014-2020, gestito dall’Agenzia per la Coesione Territoriale. Cura la promozione e il presidio di progetti di innovazione tecnologica in un’ottica di integrazione e cooperazione con istituzioni nazionali ed europee.

E’ project manager del progetto SUNFISH - Secure Information Sharing in federated heteroceneous private clouds, finanziato dal programma UE Horizon 2020 e realizzato da un consorzio, guidato dal MEF, di undici partner di sei differenti Paesi (Austria, Estonia, Israele, Malta, Regno Unito e Italia). E’ responsabile della definizione delle politiche e delle regole per la tutela della privacy e per la gestione della sicurezza informatica e delle informazioni del MEF e svolge il coordinamento del gruppo di lavoro per la realizzazione di un CERT Dicasteriale nell’ambito del Piano Nazionale per la protezione cibernetica e la sicurezza informatica.

Per oltre sette anni ha coordinato il servizio NoiPA, dedicato al pagamento degli stipendi dei pubblici dipendenti, realizzando importanti progetti di razionalizzazione e innovazione del servizio. Ne sono un esempio la dematerializzazione e la federazione con i sistemi del MIUR, il sistema di Cedolino unico, il portale NoiPA- Servizi PA a persone PA, la piattaforma di servizi self service per il milione e mezzo di dipendenti gestiti e il progetto per la gestione economica in NoiPA del personale della Regione Lazio e di tutto il sistema sanitario regionale. Laureata in Pedagogia e Scienze Politiche, ha conseguito nel 2013 il Master in "Gestione della sicurezza informatica per l'impresa e la Pubblica Amministrazione" e, nel 2012, le Certificazioni di Project Manager presso l’”Istituto Italiano di Project Management” e di Auditor/Lead Auditor per i "Sistemi di gestione per la sicurezza delle informazioni”. (roberta.lotti@mef.gov.it).

Chiudi

Torna alla home