Torna a Eventi FPA

Programma Congressuale

Torna alla home

  da 09:30 a 11:00

Conosci, confronta e valuta la spesa degli Enti locali. "L’evoluzione della PA locale: Trasparenza e Benchmark per creare valore" [ co.57 ]

Il convegno è finalizzato a promuovere un confronto tra i diversi livelli di governo, gli amministratori, i cittadini e la nuova Cittadinanza digitale con l’obiettivo di sensibilizzare e favorire il percorso di “apertura” e condivisione del patrimonio informativo pubblico nell’ottica di una maggiore trasparenza della Pubblica amministrazione, con particolare attenzione a quella locale. Ciò è percorribile attraverso: conoscenza dei dati, confronto e valutazione delle performance delle amministrazioni.

L’accessibilità dei dati relativi agli enti locali, e il successivo utilizzo, costituisce il principale strumento nelle mani dei cittadini per esercitare un controllo pubblico sull’operato degli amministratori. La disponibilità del patrimonio informativo, inoltre, è funzionale a una più organica ed efficace organizzazione della PA locale.

Il patrimonio informativo pubblico deve diventare, in definitiva,un vero e proprio strumento di supporto decisionale per gli amministratori:la possibilità di confrontare le proprie performance con altri enti, permetterà di individuare le migliori strategie di gestione. La valutazione servirà a perseguire obiettivi di efficacia, efficienza ed economicità e consentirà di attivare percorsi virtuosi nella gestione dei servizi al cittadino.


In collaborazione con

Programma dei lavori

Apertura dei lavori

Monteduro
Intervento di Maria Teresa Monteduro al convegno "Conosci, confronta e valuta la spesa degli Enti locali. "L’evoluzione della PA locale: Trasparenza e Benchmark per creare valore"
Maria Teresa Monteduro Dirigente generale, Dipartimento delle Finanze - Ministero dell'Economia e delle Finanze Vedi atti Guarda il video

Tavola rotonda

Modera

Schirru
Intervento di Emanuele Schirru al convegno "Conosci, confronta e valuta la spesa degli Enti locali. "L’evoluzione della PA locale: Trasparenza e Benchmark per creare valore"
Emanuele Schirru Responsabile ICT - SOSE Biografia Vedi atti Guarda il video

Spinto da una forte passione verso il mondo dell’informatica e delle telecomunicazioni, inizia la sua carriera creando le prime BBS per poi arrivare, nel 1995, a far parte del  primo ISP italiano a diffusione internazionale, Video On Line.

Dal 1998 al 2003, prosegue il suo percorso, come ricercatore informatico presso la società FST (SARAS-BNL , oggi Akhela),  nel  campo della sicurezza,  delle comunicazioni multimediali, delle metodologie di sviluppo software e del data warehousing.

Dal 2003 al 2004 ricopre il ruolo di Direttore Tecnico della Netgem, società specializzata nella consulenza per la sicurezza informatica per le PMI e la Pubblica Amministrazione.

Dal 2004 ad oggi è CIO (Esercizio IT, Sviluppo Software, Servizio Assistenza) della società SOSE (MEF-Banca d’Italia), che costruisce gli studi di settore e svolge attività di studio e ricerca in materia tributaria ed economica e di attuazione del federalismo fiscale, nonché prodotti e servizi per le PMI.

Chiudi

Intervengono

Bellesia
Intervento di Mauro Bellesia al convegno "Conosci, confronta e valuta la spesa degli Enti locali. "L’evoluzione della PA locale: Trasparenza e Benchmark per creare valore"
Mauro Bellesia Direttore Programmazione, contabilità economica e servizio finanziario - Comune di Vicenza Biografia Vedi atti Guarda il video

Mauro Bellesia, laureato in economia e commercio all’Università di Venezia, revisore contabile, già amministratore di società privata, autore di pubblicazioni in materia di contabilità, controllo e finanza per gli enti locali, docente presso università e scuole di pubblica amministrazione, è attualmente dirigente di ragioneria del Comune di Vicenza e componente dell’Osservatorio per la finanza e la contabilità degli enti locali

Chiudi

Atti di questo intervento

04_co_57_bellesia_mauro.mp3

Chiudi

Bressa
Intervento di Gianclaudio Bressa al convegno "Conosci, confronta e valuta la spesa degli Enti locali. "L’evoluzione della PA locale: Trasparenza e Benchmark per creare valore"
Gianclaudio Bressa Sottosegretario di Stato agli Affari Regionali Biografia Vedi atti Guarda il video

Gianclaudio Bressa è stato nominato Sottosegretario agli Affari regionali nel Consiglio dei Ministri del 28 febbraio 2014.

Nato a Belluno nel 1956, è stato Sindaco di Belluno dal 1989 fino al 1993.

Eletto alla Camera dei deputati nelle liste di centrosinistra nel 1996, è stato sempre riconfermato nelle successive consultazioni elettorali.

Ha fatto parte in varie legislature della Commissione affari costituzionali, di cui è stato vice Presidente.

Come Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei Ministri nel primo governo D'Alema e nel secondo governo Amato, si è occupato dei diritti delle minoranze linguistiche, di Funzione Pubblica e Affari regionali.  

Ha fatto parte della Commissione paritetica per le norme di attuazione dello statuto del Trentino Alto Adige come componente, con decreto di nomina del 17 dicembre 2013 a firma del Ministro Delrio. Il 4 febbraio 2014 è stato eletto Presidente della stessa Commissione paritetica.

Chiudi

Atti di questo intervento

08_co_57_bressa_gianclaudio.mp3

Chiudi

Brunello
Intervento di Giampietro Brunello al convegno "Conosci, confronta e valuta la spesa degli Enti locali. "L’evoluzione della PA locale: Trasparenza e Benchmark per creare valore"
Giampietro Brunello Amministratore Delegato - SOSE Spa Biografia Vedi atti Guarda il video

Giampietro Brunello è nato a Venezia nel 1941. E’ iscritto all’Ordine dei commercialisti e a quello dei giornalisti, come pubblicista, ed è revisore contabile.

Dal 1995 ha coordinato il progetto “Studi di settore” presso il Ministero dell’Economia e delle Finanze. Attualmente è Amministratore Delegato di Sose, Soluzione per il sistema economico SpA (Società del Tesoro e della Banca d’Italia che elabora gli studi di settore, i fabbisogni standard, etc.) e ricopre l’incarico di presidente della Commissione degli Esperti per gli Studi di Settore.

Chiudi

Fiorillo
Intervento di Fabio Fiorillo al convegno "Conosci, confronta e valuta la spesa degli Enti locali. "L’evoluzione della PA locale: Trasparenza e Benchmark per creare valore"
Fabio Fiorillo Assessore alle Politiche economiche, finanziarie e di bilancio Comune di Ancona - e Professore associato di Scienza delle Finanze Università di Ancona Vedi atti Guarda il video

Atti di questo intervento

05_co_57_fiorillo_fabio.mp3

Chiudi

Longobardi
Intervento di Ernesto Longobardi al convegno "Conosci, confronta e valuta la spesa degli Enti locali. "L’evoluzione della PA locale: Trasparenza e Benchmark per creare valore"
Ernesto Longobardi Professore Ordinario Scienze delle Finanze Università di Bari e membro COPAFF Vedi atti Guarda il video

Atti di questo intervento

07_co_57_longobardi_ernesto.mp3

Chiudi

Marattin
Intervento di Luigi Marattin al convegno "Conosci, confronta e valuta la spesa degli Enti locali. "L’evoluzione della PA locale: Trasparenza e Benchmark per creare valore"
Luigi Marattin Consulente Economico - Presidenza del Consiglio dei Ministri Vedi atti Guarda il video

Atti di questo intervento

06_co_57_marattin_luigi.mp3

Chiudi

Conclude

Baretta
Intervento di Pier Paolo Baretta al convegno "Conosci, confronta e valuta la spesa degli Enti locali. "L’evoluzione della PA locale: Trasparenza e Benchmark per creare valore"
Pier Paolo Baretta Sottosegretario di Stato all'Economia e alle Finanze Biografia Vedi atti Guarda il video

Pier Paolo Baretta nasce a Venezia nel 1949. La sua formazione all'impegno sociale e politico comincia negli anni sessanta ed è fortemente segnata dalla militanza nell'associazionismo cattolico e nei movimenti studenteschi giovanili. Fondamentale è però l'incontro con il sindacato, che avviene quando - giovanissimo - comincia a lavorare in uno stabilimento metalmeccanico di Porto Marghera, interrompendo così gli studi di sociologia.

Eletto nel consiglio di fabbrica per la Fim Cisl, segue l'introduzione dell'inquadramento unico tra operai e impiegati e ne diventa il coordinatore per le tre Venezie; nel 1973, a soli 24 anni, diventa responsabile nazionale della formazione del sindacato unitario dei metalmeccanici.

Alla fine degli anni settanta rientra a Venezia come segretario provinciale e viene successivamente eletto segretario regionale del Veneto. Con queste responsabilità segue i grandi processi di ristrutturazione che coinvolgono in quel periodo il Polo industriale di Porto Marghera, i settori dell'alluminio e del rame e alcuni grandi gruppi e aziende dell'industria metalmeccanica e navalmeccanica che hanno sede in Veneto (Zanussi, Finmeccanica).

Entra quindi nella segreteria nazionale della Fim Cisl (1984) e segue le grandi aree siderurgiche di Genova, Taranto, Terni, Marghera, divenendo anche componente del comitato consultivo della Ceca (Comunità economica del carbone e dell'acciaio). Successivamente assume la responsabilità del settore auto e segue la lunga fase di ristrutturazione della Fiat e la costruzione dell'accordo sindacale che accompagna l'avvio della produzione nel nuovo stabilimento di Melfi.

Nel 1997 viene eletto segretario generale dei metalmeccanici Cisl e fa parte del comitato esecutivo del sindacato mondiale dei metalmeccanici.

Nel 1998 entra nella segreteria confederale della Cisl e con questo incarico segue i settori dei servizi bancari e finanziari, delle comunicazioni e dei trasporti. Si occupa in particolare del primo contratto di settore per le telecomunicazioni e segue i processi di privatizzazione di Telecom e di riorganizzazione di Poste italiane. Assume poi la responsabilità delle politiche previdenziali rappresentando la Cisl nei confronti del Governo durante il negoziato che porta al Patto per l'Italia, in particolare contribuendo all'accordo che introduce e rilancia la previdenza complementare.

Nell'aprile 2006 viene eletto segretario generale aggiunto della Cisl e partecipa al negoziato con il governo Prodi per la riforma previdenziale del 2007, contribuendo in modo fondamentale alla definizione dei criteri che la orientano, in particolare con l'ideazione del sistema delle "quote". In quel periodo segue inoltre le politiche fiscali ed è responsabile del dipartimento democrazia economica e responsabilità sociale delle imprese della Cisl.

Nel 2008 accetta la candidatura alla Camera nelle liste del PD per la Circoscrizione elettorale Veneto 2 (Belluno, Treviso e Venezia), si dimette da tutti gli incarichi sindacali e viene eletto deputato. Durante la XVI Legislatura è Capogruppo del Partito Democratico nella Commissione Bilancio, Tesoro e Programmazione Economica e svolge un'intensa attività parlamentare: è relatore della Legge Finanziaria per il 2009 ed il 2010, della Legge di Stabilità 2011, della riforma del Bilancio dello Stato; partecipa ai lavori di riscrittura dell'articolo 81 della Costituzione che definiscono il principio dell'equilibrio di bilancio.

Nel corso del governo Monti è relatore del decreto Salva Italia e della Legge di Stabilità 2012, e si batte in particolare per l'aumento delle detrazioni per i figli a carico e per il finanziamento del Fondo per le politiche sociali e la non autosufficienza. Durante l'intera legislatura risulta costantemente fra il secondo e il quarto posto nelle graduatorie che rilevano i livelli di presenza e produttività dei parlamentari.

Nelle elezioni politiche del 2013 è capolista per il PD nella circoscrizione Veneto 2 e viene rieletto. Nella prima fase della XVII Legislatura è Vicepresidente della Commissione Speciale per l'esame di Atti del Governo, che vara il decreto per il pagamento dei debiti dello Stato verso le imprese ed il Documento di Economia e Finanza (DEF) per il 2013. 

Nel governo Letta è Sottosegretario presso il Ministero dell'Economia e delle Finanze e segue in particolare: il patto di stabilità interno e l’attuazione del federalismo fiscale; le questioni concernenti la Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano, la Conferenza Stato – città ed autonomie locali e la Conferenza unificata di cui al decreto legislativo 28 agosto 1977, n. 281 e la partecipazione alle relative sedute; le politiche di valorizzazione del patrimonio pubblico e le questioni rientranti nelle competenze dell’Agenzia del Demanio; le questioni concernenti il personale del Ministero dell’economia e delle finanze e la programmazione delle assunzioni del medesimo personale; le questioni concernenti la partecipazione dell’Amministrazione alle sedi di concertazione con le parti sociali.

Il 28 febbraio 2014 è nominato Sottosegretario dell'Economia e delle Finanze nel Governo Renzi, incarico confermato il 29 dicembre 2016 nel Governo di Paolo Gentiloni

Chiudi

Atti di questo intervento

09_co_57_baretta_pier_paolo.mp3

Chiudi

Torna alla home