Torna a Eventi FPA

Programma Congressuale

Torna alla home

  da 11:45 a 13:30

Servizi interoperabili e infrastrutture condivise. Opportunità e criticità [ ws.03 ]

Con il processo di modernizzazione della Pubblica Amministrazione, avviato dalla legge 142 del ’90, passando per la riforma del Titolo V della Costituzione fino alla legge di riordino degli Enti locali del Ministro Del Rio, si è attribuita centralità nei servizi di gestione delle informazioni e dei servizi ai livelli di governo più vicini al cittadino.

Funzioni, Servizi e modelli Infrastrutturali sono le parole chiave del tavolo di lavoro organizzato da FORUM PA all’interno della manifestazione di Maggio.

L’obiettivo del tavolo di lavoro è quello di confrontarsi sulle strategie e sulle attività operative abilitanti alla realizzazione e gestione, in ottica pubblico-privata, del decentramento dei servizi a cittadini ed imprese. Quale governance? Quali modelli infrastrutturali?

Per iscriversi all'evento inviare la propria candidatura a d.tiseo@forumpa.it

Programma dei lavori

Introduce e Coordina

Musumeci
Intervento di Alessandro Musumeci al seminario "Servizi interoperabili e infrastrutture condivise. Opportunità e criticità"
Alessandro Musumeci Presidente - Demet & Company Biografia Vedi atti

Romano, classe 1956, Alessandro Musumeci è Presidente di Demet & Company dal dicembre 2014.

Laureato in Ingegneria Meccanica con indirizzo trasporti, ha maturato molteplici esperienze sia in società di rilevanza nazionale (Sogei, Informatica & Telecomunicazioni, Gruppo Cos) che in ambito internazionale (Cap Gemini, Andersen Consulting) operando sia in ambiente bancario (nella Direzione Sistemi del Banco di S.Spirito) che nella Pubblica Amministrazione (in Cap Gemini e in Andersen Consulting). L’ultima esperienza è stata come Direttore Centrale Sistemi Informativi delle Ferrovie dello Stato Italiane

Vanta inoltre diverse importanti esperienze sia in ambito accademico (La Sapienza, Tor Vergata e Università di Cagliari) che istituzionale (Direttore generale dei Sistemi Informativi del Ministero dell’Istruzione, Università e Ricerca, Direttore specialistico dei Sistemi Informativi del Comune di Milano, Presidente della Federazione Italiana Dirigenti d’Azienda Informatici).

Chiudi

Atti di questo intervento

ws_03_alessandro_musumeci.pdf

Chiudi

Intervengono

Carulli
Vincenzo Carulli Capo del I° Reparto della Direzione Tecnica Interforze (Teledife) del Segretariato Generale - Ministero della Difesa Biografia

Vincenzo Carulli (1958) ha frequentato l'Accademia Navale, corpo Ingegneri della Marina Militare, laureandosi  a pieni voti in Ingegneria Elettronica nel 1986 presso l’Università di Pisa. Ha ricevuto il riconoscimento "Adm. Mimbelli Foundation Award " e quindi superato l’Esame di Stato conseguendo la Qualificazione Professionale. Ha iniziato la sua carriera a bordo dell’Incrociatore “Caio Duilio” e successivamente sulla Fregata “Scirocco” in qualità di Chief Technical Officer. Ultimato il ciclo a bordo delle unità navali viene assegnato alla Direzione Generale per gli Armamenti Navali a Roma in qualità di Capo sezione Radar (1990).

Nel 1991 viene nominato MFR EMPAR Program Manager, incarico che ricopre fino a ultimazione del programma (1998) ricoprendo ulteriori differenti posizioni presso il Comitato per i Progetti (quale Capo Ufficio Radar) e successivamente presso lo Stato Maggiore della Marina.

Nel 2003 riceve l’incarico di Vice Direttore dell'Ufficio Tecnico Territoriale della Marina, al termine del quale viene assegnato al Segretariato Generale della Difesa (2005) presso il Dipartimento Ricerca Tecnologica con l’incarico di Capo Ufficio Policy and Pianificazione.

Nel 2008, viene designato Direttore dell’Istituto per le Telecomunicazioni e l’Elettronica “G. Vallauri” (Ente di ricerca e sperimentazione della Marina Militare).

Nel 2011 entra a far parte della Rappresentanza Italiana presso l’Alleanza (NATO),  operando come rappresentante IT presso diversi comitati della NATO.

Dal novembre 2014 è stato designato Capo del I° Reparto della Direzione Tecnica Interforze (Teledife) del Segretariato Generale della Difesa..

Vincenzo Carulli ha ricevuto diversi premi dalla "Fondazione Ugo Tiberio " (1988, 1993, 1995, 1996).

Ha seguito corsi di formazione professionale presso la Istituto di Studi Marittimi (Navy Staff College 1998), e L’Istituto di Studi Strategici Interforze dello Stato Maggiore della Difesa (1998/1999),  sviluppando interesse per le scienze strategiche e politiche. Ha conseguito un Master in "Studi Internazionali strategico militari" (2004), e quindi una ulteriore laurea in Scienze Politiche (2005).

Professore a contratto presso l'Università di Pisa (2000) per un corso integrativo di “Ingegneria dei sistemi complessi, ha tenuto corsi specialistici su “Impianti radar” e “Fondamenti di Ingegneria dei sistemi” presso la Scuola di Specializzazione Interforze dello Stato Maggiore della Difesa (2000-2011).

Chiudi

Cozzi
Alessandro Cozzi Huawei Biografia

Alessandro Cozzi è Country Director dell’Enterprise Business Group di Huawei Italia.

Dopo un’esperienza professionale negli Stati Uniti, Alessandro Cozzi ha iniziato la sua carriera come consulente ed è entrato nel settore ICT nel 1998. Ha collaborato con aziende importanti come Alcatel, Intermec e Westcon Group, dove ha ricoperto diverse posizioni manageriali in Italia e all’estero.

Prima di approdare in Huawei, Cozzi ha lavorato in Cable & Wireless per circa 10 anni, rivestendo incarichi di crescente responsabilità in Italia e in Europa, fino alle cariche di Amministratore Delegato, Presidente Italia e Direttore Vendite Europa per le unità Carrier Business e Global Enterprise.

Nel 2011 è entrato in Huawei Italia come responsabile dello sviluppo del canale di vendita della Business Unit Enterprise.

Alessandro Cozzi è nato nel 1967 e si è laureato in Economia a Milano.

Chiudi

Gentili
Giovanni Gentili Responsabile progetto Agenda digitale dell'Umbria - Regione Umbria Biografia

Ingegnere. Si occupa di società dell’informazione e cultura digitale. Pensa che nella PA si possano fare cose buone per il bene comune. E’ molto interessato a come le persone, impiegando le tecnologie e la rete, possono migliorare la qualità della vita e delle relazioni,
aumentare l’efficienza e la trasparenza delle istituzioni, partecipare attivamente ai processi democratici.
E' responsabile del progetto Agenda digitale dell'Umbria all'interno della funzione ICT della Regione Umbria ed ha un'esperienza pluriennale nelle metodologie e nella gestione di programmi e progetti complessi per le politiche digitali territoriali e per l'amministrazione digitale.
Ha scritto articoli per pionero.it , agendadigitale.eu , chefuturo.itleggioggi.it
In twittter @giovannigentili

Chiudi

Lavacca
Pasquale Lavacca Già Direttore Sistemi Informativi Automatizzati - Comando Generale Arma Carabinieri Biografia

Il Generale di Divisione Pasquale Lavacca è nato a Canosa di Puglia nel 1952, è laureato in Giurisprudenza presso l’Università di Bari ed in Scienze della Sicurezza Interna ed Esterna presso l’Università di Roma “Tor Vergata”.

Dal 1 agosto 2011 al 1 dicembre 2013 Comandante della Legione Carabinieri “Piemonte e Valle d’Aosta” che ha giurisdizione su tutti i Carabinieri che operano nelle nove provincie delle due Regioni amministrative.

Dal 2006 al 2011 ha ricoperto la carica di Capo del III Reparto dello Stato Maggiore del Comando Generale dell’Arma dei Carabinieri, incarico di vertice e di massima responsabilità nella direzione dei programmi di ammodernamento e di mantenimento di sistemi e tecnologie impiegate per le attività operative e info-investigative, nonché nella gestione strategica degli armamenti ed equipaggiamenti speciali. In tale veste ha rappresentato l’Arma dei Carabinieri in vari congressi internazionali di Forze di Polizia a Parigi e Marsiglia, Londra e Birmingham, Madrid, Tel Aviv e Gerusalemme, Buenos Aires, New York, Miami, Washington, Sofia, Varsavia, Amsterdam.

 Ha intrapreso la carriera militare nel 1973, frequentando il 155° Corso dell’Accademia Militare di Modena e la Scuola di Applicazione dei Carabinieri di Roma.

 Ha maturato vaste e significative esperienze di comando nell’ambito dell’Organizzazione Addestrativa, quale Comandante di Plotone e Compagnia allievi presso la Scuola Sottufficiali di Firenze (dal 1977 al 1982) durante la quale (durante il sequestro Moro) è stato anche Comandante del Nucleo Carabinieri di rinforzo al supercarcere dell’Asinara alle dipendenze del Gen. Carlo Alberto Dalla Chiesa. In ambito Territoriale è stato Comandante della Compagnia di Torino Oltre Dora e, successivamente, del Nucleo Operativo e del Reparto Operativo del Comando Provinciale di Torino, con rilevante impegno nel contrasto alla criminalità comune ed organizzata (dal 1982 al 1991). Ha retto per tre anni (dal 1995 al 1998) il Comando Provinciale di Brindisi.

 Da Ufficiale superiore è stato chiamato ad assolvere compiti di significativo rilievo presso lo Stato Maggiore del Comando Generale dell’Arma, dapprima come Capo della 1^ sezione dell’Ufficio Logistico  - durante il quale ha svolto numerose missioni di ricognizione all’estero per l’ONU in Cambogia e per la UEO in Bosnia Erzegovina oltre a preparare la missione in Somalia - e successivamente quale Direttore della Direzione Materiali di Armamento e di Equipaggiamento Tecnico e come Capo Ufficio Armamento ed Equipaggiamenti Speciali, ove ha sviluppato l’attività di ricerca e sviluppo tecnologico nei settori dell’intelligence e della Polizia Giudiziaria oltre che dei materiali speciali per la protezione individuale.

Dal 2002 al 2006 ha ricoperto la carica di Comandante del Raggruppamento Tecnico-Logistico-Amministrativo, struttura di vertice dell’Organizzazione logistico-amministrativa dell’Arma per l’Italia Centrale.

Dal 2009 al 2011 ha ricoperto, tra l’altro, la carica di Presidente del Comitato Tecnico Interpolizie costituito presso il Ministero dell’Interno per la realizzazione della Rete Integrata delle trasmissioni delle forze di polizia.

Ha ricoperto anche l’incarico di Responsabile del Centro di Competenza (previsto dal C.A.D.: Codice dell’Amministrazione Digitale) per l’Arma e, in materia, è stato Referente del Ministro per l’Innovazione e le Tecnologie per il perseguimento degli obiettivi di Legislatura volti alla costituzione della “Società digitale”.

 Membro del Comitato di Sorveglianza per il Programma Operativo Nazionale per lo Sviluppo del Mezzogiorno nel quadro strategico Nazionale per l’impiego dei Fondi U.E., è stato responsabile - per il PON Sicurezza 2000/2006 – della Misura I.3 (Tutela Ambiente) e - per il PON Sicurezza 2007/2013 - degli obj operativi I.3 (Tutela Ambiente) e II.2 (Tutela lavoro regolare).

Dal 2 dicembre 2013 è il “Dirigente Generale Responsabile dei Sistemi Informativi ed Automatizzati dell’Arma dei Carabinieri” alle dirette dipendenze, in Roma, del Comandante Generale.

 

Chiudi

Rauso
Fabrizio Rauso Direttore Digital Organization - SOGEI Biografia

Fabrizio Rauso, nato a Roma nel 1964, laureato in Ingegneria Elettrotecnica presso l'Università La Sapienza di Roma. Ha conseguito l'abilitazione alla professione di Ingegnere nel 1991.
Lunga esperienza nel mondo ICT a livello nazionale ed internazionale, dove ha ricoperto diversi ruoli nell'ambito del Marketing, Vendite, Operations, Supply Chain e General Management in varie multinazionali.

Dal maggio 2012 è in Sogei.

Inizia la sua carriera nel 1991 in Italcable, per proseguire in Telecom Italia ed in TMI (Gruppo Telecom Italia) con ruoli di crescente responsabilità con esperienze lavorative all'estero.

Approda in Lucent Technologies nel 2000 dove rimane fino al 2011 (dopo la fusione con Alcatel del 2006) ricoprendo ruoli di direttore operations e vendite.

Nel maggio del 2011 lavora in Huawei come Business Unit Director del mercato OLO.

E' sposato; fra le sue passioni il golf, il bridge ed il web.

Chiudi

Torna alla home